IL PREZZO DEL BITCOIN CADE MENTRE I MERCATI REAGISCONO ALLA (FALSA) MINACCIA DEL BINANCE IN GIAPPONE

Bitcoin è sceso di $ 500 in ore per colpire i minimi di due giorni il 22 marzo, dopo che le notizie hanno infranto i regolatori giapponesi potrebbero bandire il più grande scambio di criptovalute del mondo, Binance.


CO-FONDATORE NON INTERESSATO

AGGIORNAMENTO: Il CEO di Binance Changpeng Zhao ha risposto alle notizie su Twitter affermando che la fonte ha mostrato “giornalismo irresponsabile” poiché lo scambio crittografico è attualmente in “colloqui costruttivi” con la FSA e finora non ha ricevuto alcun mandato.

Articolo originale:

Secondo il quotidiano Nikkei , la Financial Services Authority (FSA) giapponese sta “indagando” Binance per operare senza registrazione.

Se queste operazioni non si fermassero, afferma il rapporto, la FSA istigerà “accuse penali” in collaborazione con le forze dell’ordine.

Le notizie sembravano avere un effetto quasi istantaneo sui mercati delle criptovalute, il BTC / USD scendeva sotto i $ 9000 e continuava a salire a $ 8500 – i livelli più bassi dal 20 marzo.

Mentre Binance deve ancora fornire una corrispondenza ufficiale sulla questione, il co-fondatore He Yi ha versato acqua fredda sulle minacce della FSA, riferendo ai consumatori che non avevano nulla di cui preoccuparsi e che non c’erano avamposti ufficiali della compagnia sul territorio giapponese.

 

REGOLATORI “IRKED” DELL’ANONIMATO

Lo scambio con sede ad Hong Kong aveva richiesto una licenza per operare in Giappone a gennaio, come parte di un piano iniziato ad aprile 2017 che ha finora fornito 16 scambi autorizzati.

A seguito dello scambio domestico di Coincheck di mezzo trilione di dollari in gennaio, la FSA ha intensificato le ispezioni dei rimanenti scambi, chiedendo trasparenza per garantire che non si ripetesse il fiasco di Coincheck, che è in corso.

Binance “ha infastidito la FSA non riuscendo a verificare l’identificazione degli investitori giapponesi al momento dell’apertura degli account”, continua nel frattempo il Nikkei Asian Review .

I funzionari giapponesi sospettano che Binance non abbia misure efficaci per prevenire il riciclaggio di denaro sporco; lo scambio gestisce un certo numero di valute virtuali che vengono scambiate anonimamente.

I commenti rispecchiano quelli delle autorità della Corea del Sud, che hanno istigato frettolosamente un divieto di negoziazione anonimo alla fine di gennaio.