BITCOIN STA RENDENDO DIFFICILE LA MANIPOLAZIONE VALUTARIA PER LE BANCHE CENTRALI

l Bitcoin è stato largamente creato come mezzo per indebolire il controllo dei governi e delle istituzioni finanziarie tradizionali. Ora, la criptovaluta dominante della capitalizzazione di mercato sta rendendo difficile per i governi e le banche centrali manipolare le proprie valute legali.


PERDERE LA LORO PRESA

Bitcoin e altre criptovalute hanno reso più facile che mai trasferire denaro attraverso i confini e i governi di tutto il mondo non ne sono troppo contenti.

Come notato da The Telegraph , la capacità di Bitcoin di aggirare le restrizioni economiche imposte dal governo “potrebbe avere implicazioni significative in tutto il mondo, ribaltare le guerre valutarie, ostacolare gli sforzi per gestire le crisi e sfidare le idee tradizionali di sviluppo economico – tutte spesso includono restrizioni sulle prendere soldi all’estero. ”

 

Da nessuna parte questo fatto è più immediatamente evidente rispetto al lancio in Venezuela della sua criptovaluta, Petro.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha emesso un divieto all’inizio di questo mese che ha vietato ai cittadini americani di avvicinarsi alla valuta virtuale emessa dallo stato del paese sudamericano, ordinando al contempo al segretario del Tesoro Steven Mnuchin di emanare i regolamenti necessari per far rispettare questo divieto.

Tuttavia, le sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti hanno fatto ben poco per evitare che la spudorata criptovaluta da parte del presidente venezuelano Nicolas Maduro abbia avuto successo. Secondo i dati del Sovrintendente per la Criptovaluta e le Attività Correlate del Paese in difficoltà, 83.000 persone in 127 paesi hanno acquistato nella criptovaluta del Venezuela – raccogliendo più di $ 5 miliardi di fondi.

MANIPOLAZIONE DEL MERCATO

Le scappatoie legate alla criptovaluta hanno anche minacciato la capacità dei politici e delle banche centrali di manipolare artificialmente i tassi di cambio. Ha spiegato la Gina Pieters della Royal Economic Society a The Telegraph :

Bitcoin può svolgere due funzioni nei mercati internazionali: un modo alternativo per ottenere una valuta estera e un modo per eludere i controlli sul capitale.

Pieters ha anche spiegato che – se i governi non riescono a rafforzare il controllo sulla criptovaluta – Bitcoin potrebbe effettivamente iniziare a “erodere la capacità di un paese di controllare i propri tassi di cambio”.

 

Nel tentativo di esprimere il potere sovrano, gli Stati Uniti stanno considerando di costringere i richiedenti il ​​visto a rivelare il valore di cinque anni delle loro informazioni sui social media – qualcosa che in precedenza era richiesto solo ai candidati delle regioni colpite dal terrorismo.

Tali restrizioni possono costituire un pericoloso precedente, poiché i governi cercano di ottenere sempre più accesso ai dati personali e privati ​​di un individuo. In futuro, ciò potrebbe includere una cronologia quinquennale delle transazioni di criptovaluta.